Vocal Coaching US/UK/AU
+39 0331/1816160
  • Che cosa significa parlare sinceramente?

Parlare sinceramente è qualcosa di tanto semplice quanto complesso. Sicuramente i bambini piccoli sono sinceri, almeno fino a che non gli viene insegnato a mentire. In La via della Voce ho sviscerato profondamente quello che intendo per “mentire”, per cui vi invito ad approfondire l’argomento leggendo il libro.

In questo contesto è meglio indagare il significato di sincerità, infatti spesso si da per scontato cosa realmente significhi. Non vuol dire altro che “interamente puro”, ovvero “interamente senza mescolanza”. Si sta esprimendo l’idea di qualcosa che sia composto tutto della stessa sostanza. Ad esempio un gelato alla crema è “sincero”, un variegato all’amarena no, perché oltre alla crema contiene anche lo sciroppo d’amarena.

Quindi parlare sinceramente, in qualche modo non implica per nulla il “dire la verità”. Non impedisce di raccontare una menzogna, non richiede di parlare “con il cuore”, non richiede autenticità o compassione. Queste sono tutte fantasie, visioni parziali e limitate di una realtà molto più complessa.

Per parlare sinceramente basta avere un’idea ben chiara ed essere in grado di comunicarla senza che si intrometta null’altro all’interno del messaggio.

Nella mia esperienza più che trentennale di Vocal Coach incontro sempre più spesso persone e allievi che fanno esclusiva affidamento a manuali e a libri, senza considerare neanche la necessità o la possibilità che esista anche dell’esperienza pratica.

Questo è esattamente quello che insegno agli attori nei miei workshop di Los Angeles, New York e Milano: per “recitare” un’emozione bisogna essere sinceri. Ovvero non basta provare l’emozione, ma bisogna riuscire ad esprimere solo quell’emozione. Se a quell’emozione, sempre se si è capaci di suscitarla, si aggiunge qualcosa d’altro, come la preoccupazione, l’ansia, i vuoti di memoria o altro, non si potrà mai essere sinceri.

Questo è il motivo per cui occorre l’aiuto di un vocal coach, infatti sebben altre discipline insegnino a controllare le emozioni, solo un valido vocal coach, non uno qualunque, può insegnare a riconoscere quali e quante emozioni vengono trasmesse recitando. Senza un addestramento specifico sulla propria vocalità è veramente difficile essere oggettivi e riconoscere quando si sta “mentendo” a se stessi.

Imparare a controllare la voce, riuscire ad essere sinceri, può aiutare anche le persone normali, non solo i professionisti della recitazione, della politica, del commercio o della finanza. Il mio lavoro è aiutare le persone a ritrovare la propria inborn voice, ovvero l’unica voce realmente “sincera” all’interno di ognuno di noi.

Lascia un commento